Roberto Gatto

Roberto Gatto Omaggio al Rock Progressive

Questo progetto fa parte di uno dei sogni nel cassetto che coltivo da diversi anni. Personalmente ho sempre amato le sfide e come sempre, mosso dall’entusiasmo, ho accettato di tentare anche questa. Sono cresciuto ascoltando il jazz ma parallelamente sono sempre stato appassionato di Progressive, anzi a dire il vero è grazie ad alcuni gruppi come i Soft Machine, Nucleus, Matching Mole che ho imparato a conoscere meglio il jazz Afro-americano. In quegli anni ho avuto la fortuna di ascoltare dal vivo praticamente tutti i migliori rappresentanti di quella “nuova” musica che arrivava dall’Inghilterra: Genesis, Emerson Lake & Palmer, King Crimson, Jethro Tull, Yes, ecc. La prima fase del lavoro ha riguardato la scelta di brani, successivamente il lavoro di arrangiamento e infine la scelta dei musicisti. IL repertorio scelto comprende brani noti ed altri meno noti dei King Crimson, Genesis, Matching Mole, Robert Wyatt, Pink Floyd. IL tentativo sarà quello di attualizzare in forma contemporanea un affascinante e complesso patrimonio musicale ricco di spunti e molteplici sfumature, attraverso le diverse personalità dei musicisti coinvolti

Formazione: Roberto Gatto (batteria), John de Leo (voce), Maurizio Giammarco (sassofono), Fabrizio Bosso (tromba), Gianluca Petrella (trombone), Luca Mannutza (piano e tastiere), Roberto Cecchetto (chitarra), Francesco Puglisi (basso)

Il concerto sarà preceduto, alle ore 16.30, dall’incontro presso il Ristorante Locanda Antica Porta di Levante con Roberto Gatto per la presentazione del suo CD edito da L’Espresso e La Casa del Jazz, con Marco Ferri (giornalista), Marco Amato (scrittore), conduce Bruno Casini;