LA ZURDA

1188428974_f.jpgDal tango argentino al suono del charango, alle ritmiche sudamericane ed un orecchio al Messico del suono clandestino precipitando con impeto nel rock non tradizionale. La Zurda, dal nome unico ed inimitabile, rappresenta la parte sinistra che è in ogni essere umano, appunto la zona del cuore, ecco perchè la loro musica è davvero autentica, vissuta e un po’ visionaria.

Forti di un calore e di una simpatia tipicamente latina, presentano un collage musicale che innesta su una massiccia ossatura rock il sapore della tradizione argentina. Si sono messi in luce nell’ambito musicale underground di Buenos Aires con buoni risultati e ottime recensioni sulla stampa specializzata.

I La Zurda vengono invitati a collaborare e a contribuire nel nuovo cd dei Negrita HellDorado, esattamente nelle tracce Soy Taranta e Salvation; inaugurando quello che sarà un interessante sodalizio artistico. Infatti il nuovo disco dei Negrita registrato tra Buenos Aires e la Toscana con la produzione di Fabrizio Barbacci, vede la collaborazione di Roy Paci e degli argentini Bersuit e LA ZURDA.